Natale e lutto perinatale


Natale

Noemi e Mara si incontrano al mercatino di Natale.

Noemi: «Ciao Mara, che piacere incontrarti! Anche tu sei in cerca degli ultimi regali per Natale?»

Mara: «Ciao Noemi… sì, sto ultimando gli acquisti…»

Noemi è allegra e pimpante!

Noemi: «…e come stai? Cos’hai organizzato di bello per questo Natale?»

Mara ha lo sguardo triste, come se la luce nei suoi occhi si fosse spenta.

Mara: «In realtà… nulla di speciale. Non sono in vena di festeggiamenti…»

Noemi: «E perché? Cos’è successo?»

Mara: «Beh… sai cosa è successo…»

Noemi: «Oh… mi devi perdonare, ma in questo momento non riesco a ricordare…»

Mara abbassa lo sguardo e cerca le parole, che poi pronuncia sottovoce.

Mara: «…tre mesi fa. Proprio oggi sono tre mesi. Ho perso il mio bambino

♥ ♥ ♥

Opportunità comunicativa 1 – Noemi intende guardare il lato positivo, ovvero inconsapevolmente rinnega.

Noemi: «Ah… già. Beh, dai, son già passati tre mesi: non pensate di riprovarci?»

Mara: «Riprovarci… Certo. Ti auguro Buon Natale Noemi, ora devo proprio scappare.»

Opportunità comunicativa 2Noemi intende incoraggiare, ovvero inconsapevolmente sminuisce.

Noemi: «Ah… già. Ma perché ci pensi ancora? Dai su, in fin dei conti eri appena all’inizio! Fatti coraggio dai, è Natale! Vorrai mica rovinartelo e rovinarlo a tutti i tuoi, no?»

Mara: «All’inizio… Certo. Rovinarvi il Natale? Per carità. Ora devo proprio andare: ti auguro buone feste.»

Opportunità comunicativa 3Noemi si dispiace, ovvero accoglie, ascolta, sta con Mara.

Noemi: «Oh… hai ragione. Mi devi proprio scusare, non ho collegato. Mi dispiace tanto, sai? Non so cosa dire… La verità è che non so cosa sia meglio fare… o dire… ma mi dispiace: mi dispiace che ti sia capitato tutto questo e che tu soffra.»

Mara: «…grazie Noemi, lo apprezzo molto.»

Noemi: «Posso abbracciarti?»

Mara: «Eh… rischio di diventare come una fontana, se mi abbracci…»

Noemi: «Oh beh, ho dei fazzoletti in borsa 😉 »

♥ ♥ ♥

Il periodo di Natale, essendo per tradizione un momento in cui ci si dedica alle relazioni familiari, ai doni reciproci e in particolar modo ai bambini, può essere un periodo piuttosto difficile per i genitori in lutto. Il regalo più significativo che puoi fare loro è non lasciarli soli nel loro dolore, non sminuire la loro pena e stare con loro senza avere paura della loro sofferenza. Non soffriranno così intensamente per sempre e potranno migliorare la loro condizione anche grazie al tuo calore umano: basta un sorriso, un abbraccio, la tua sincera vicinanza.

Non temere: il lutto non è contagioso!

Novella ed Erika, Dialoghi sparsi sul lutto perinatale (2018)


Informazioni su Erika Zerbini

Erika Zerbini, nata a Genova il 28 febbraio 1976, mamma, autrice e facilitatrice di "Funamboli", Gruppo AMA dedicato ai genitori in lutto perinatale, presso "E.O. Ospegali Galliera" (GE). Pubblicazioni: Questione di biglie (Eidon Edizioni), Professione MAMMA (Eidon Edizioni), Nato vivo (YCP), Insieme, l'albo illustrato sul lutto perinatale (YCP), Sembrava una promessa - Racconto (YCP), Chiamami Mamma (YCP). Fondatrice del blog Professionemamma.net

Commenta